TIPI DI FRANE E CONTENUTO D’ACQUA

TIPI DI FRANE E CONTENUTO D’ACQUA

di patrizia dalu

Il contenuto di acqua è uno dei parametri maggiormente utilizzati in geotecnica. Nel caso dei pendii naturali la sua determinazione, qualitativa e/o quantitativa, fornisce delle indicazioni sulla potenziale instabilità del pendio: in generale un aumento del contenuto d’acqua comporta un aumento dell’instabilità a causa di una riduzione del grado di coesione del materiale.
I materiali coinvolti in un fenomeno franoso sono caratterizzati da un contenuto d’acqua che può variare anche notevolmente. I principali fattori che condizionano la quantità d’acqua presente sono:

1) la natura dei materiali costituenti la massa dislocata di frana. Questi possono essere detriti, terre, blocchi, neve, acqua e miscele più o meno omogenee di materiali diversi;

2) la parte di massa dislocata considerata. In una massa dislocata si può distinguere una testa di frana, un corpo di frana e un piede di frana in corrispondenza delle quali può essere presente un diverso contenuto d’acqua;

3) il coefficiente di permeabilità del materiale. Questo è legato alla natura del materiale ed esprime la capacità della massa dislocata di trattenere/drenare l’acqua sia durante il movimento che dopo.

IL CONTENUTO D’ACQUA NELLE FRANE

Il contenuto d’acqua è determinato attraverso delle prove di laboratorio su campioni rappresentativi del materiale tuttavia, dall’osservazione di una frana in campagna, è possibile stimare qualitativamente il contenuto d’acqua della massa dislocata (Cruden e Varnes 1996). Il materiale è:

secco quando non è presente dell’acqua e/o dell’umidità;
umido quando il materiale ha un comportamento plastico ma non fluido: in questo caso è presente dell’acqua ma non è visibile;
bagnato quando la massa dislocata sono presenti rivoli ed emergenze di acqua o delle zone con acqua stagnante. In questi casi il materiale contiene acqua sufficiente per potersi comportare in parte come un liquido;
molto bagnato quando la massa dislocata fluisce anche con basse pendenze. I questi casi il materiale contiene una quantità d’acqua tale da conferirgli un comportamento liquido.

Il contenuto d’acqua della massa dislocata fornisce quindi informazioni utili sulla sua mobilità: in generale, in un materiale un aumento del contenuto d’acqua equivale ad un aumento della fluidità e quindi della velocità.

Rapporto tra il contenuto d'acqua e la tipologia di fenomeno franoso
Tipologie di fenomeno franoso e movimenti in relazione al contenuto d’acqua della massa dislocata.
(Huggett. 2007. Fundamentals of Geomorphology modificata)

 

FLUSSI E CONTENUTO D’ACQUA

Tra tutti i tipi di fenomeno franoso i flussi sono quelli maggiormente influenzati dal contenuto d’acqua. I flussi possono interessare diversi materiali quali terre, rocce e neve, o miscele di essi, che si muovono in modo turbolento lungo superfici più o meno ripide; all’interno del flusso ogni particella si muove indipendentemente una dall’altra. La superficie di flusso può coincidere con il limite inferiore della massa dislocata oppure con una zona di taglio più o meno spessa come negli scorrimenti, i flussi, infatti, in alcuni casi rappresentano un’evoluzione di uno scorrimento.

Ad esempio: uno scorrimento di terra a grana grossa, a seconda della mobilità e del contenuto d’acqua della massa dislocata, può evolvere in un flusso di detrito estremamente rapido o in una valanga di detrito. Un aumento del contenuto d’acqua comporta la riduzione del grado di coesione del materiale e una maggiore mobilità, per cui la frana si evolve da scorrimento a flusso acquistando velocità e la capacità di percorrere maggiori distanze anche su basse pendenze.


– 2007. Huggett R. J. – Fundamentals of Geomorphology. Routledge Fundamentals of Physical Geography

– 1996. Cruden D.M., Varnes D.J. – Landslide Types and Processes. Special Report, Transportation Research Board, National Academy of Sciences.

 

Lascia un commento