SCORRIMENTI ROTAZIONALI

Il punto di partenza di un qualsiasi studio delle condizioni di stabilità di un pendio naturale è l’identificazione del tipo di fenomeno franoso presente. Ciò è fondamentale per individuare le caratteristiche della superficie di rottura, in particolare per conoscerne la forma e la tipologia.

Conoscere la forma è indispensabile per costruire il modello matematico e scegliere il metodo di calcolo più adatto per la verifica mentre, conoscere la tipologia (superficie riattivata e/o di neoformazione) è indispensabile per scegliere i parametri di rottura da utilizzare nella verifica.

Descrizione

La prima parte della monografia è dedicata ai caratteri morfologici degli scorrimenti rotazionali, in particolare ai caratteri osservabili in sito: identificare i caratteri morfologici di una frana è fondamentale perché consentono l’attribuzione del fenomeno a una delle tipologie principali, forniscono informazioni sullo stato di attività e il loro studio consente di ricostruire l’evoluzione del pendio.
La seconda parte è invece dedicata alle superfici di uno scorrimento rotazionale e in particolare alle differenze tra la superficie pre-esistente, la superficie di scorrimento e la superficie di separazione.
La monografia si chiude con un breve elenco sulle generalità degli scorrimenti rotazionali.

Il prodotto è costituito da un file compresso contenente la monografia in due formati diversi (EPUB e PDF).

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.