Superficie di scorrimento rotazionale


La superficie di scorrimento rotazionale è il nome che prende la superficie di rottura quando il fenomeno franoso studiato è identificabile con uno scorrimento rotazionale.
Gli scorrimenti rotazionali sono caratterizzati dall’avere una superficie di rottura concava. Questa è osservabile in piccola parte in corrispondenza della testa di frana ed è identificabile con la scarpata principale ma per la maggior parte è ubicata in corrispondenza del corpo di frana e quindi è sepolta dalla massa dislocata di frana.
Determinare i caratteri della superficie di scorrimento (forma, profondità e tipologia) è indispensabile per la modellazione finalizzata alle verifica di stabilità del pendio: i caratteri sono in parte ottenuti dalla cartografia, in parte dedotti, e in parte misurati attraverso delle specifiche indagini (rilevamento tecnico).

 

Vedi anche:
Superficie di crollo, Superficie di espandimento, Superficie di flusso, Superficie di ribaltamento, Superficie di scorrimento planare.

 

//www.bgeo.it/wp-content/uploads/2020/03/03.png

 

« Torna al glossario