Superficie di rottura


La superficie di rottura di una frana è la superficie principale lungo la quale avviene il movimento.
È identificabile con una o più superfici di primo distacco quando si forma ex novo mentre è identificabile con una o più superfici di riattivazione quando è pre-esistente e il fenomeno subisce una riattivazione. In alcuni casi è identificabile con una banda di movimento, una fascia relativamente sottile in cui si ha un’intensa deformazione di taglio e in cui il movimento è generalmente di tipo progressivo: la superficie non ha uno sviluppo simultaneo ma inizia a formarsi in corrispondenza di un punto di debolezza per poi propagarsi secondo una superficie o una banda di movimento.
La superficie di rottura prende il nome del fenomeno franoso a cui si riferisce e ognuna presenta delle caratteristiche e peculiarità. In base al tipo di frana la superficie di rottura può essere una superficie di crollo, una superficie di espandimento, una superficie di flusso, una superficie di ribaltamento, una superficie di scorrimento planare o una superficie di scorrimento rotazionale.
Il termine equivalente in inglese è SURFACE OF RUPTURE.

 

Vedi anche:
Margine inferiore della superficie di rottura, Superficie di primo distacco, Superficie di riattivazione, Superficie di separazione, Superficie pre-esistente.

 


« Torna al glossario